PneumID


Test Real-Time PCR multiplex, marcato CE IVD e progettato per rilevare il DNA genomico di Pneumocystis jirovecii.

Pneumocystis jirovecii è una causa comune di polmonite in soggetti con sistema immunitario compromesso.

Questo organismo non può essere coltivato in vitro e di conseguenza la Real-Time PCR è indicata tra le procedure diagnostiche convenzionali per combattere la polmonite da Pneumocystis.

PneumID® è validato su DNA estratto da colture fungine e campioni respiratori clinicamente rilevanti:

– BAL (lavaggio bronco alveolare)

Il kit è compatibile coi più comuni strumenti di estrazione del DNA e Real-Time PCR.

  • Sensibilità <1 genoma di Pneumocystis jirovecii.
  • Rilevazione in un range di 6 ordini di grandezza (n° target da <1 a 10^6)
  • Risultato in <1h dall’estrazione del DNA.
Test REAL-TIME PCR multiplex, marcato CE IVD e progettato per rilevare il DNA genomico di Pneumocystis jirovecii. da BAL e Broncolavaggio alveolare

Come combattere al meglio la polmonite da Pneumocystis jirovecii

Clicca sulle domande per ottenere le risposte

PneumID è un test qPCR multiplex progettato per rilevare il DNA genomico di Pneumocystis jirovecii da campioni respiratori umani. Pneumocystis jirovecii è una causa comune di polmonite potenzialmente fatale in individui con un sistema immunitario compromesso. Questo organismo non può essere coltivato in vitro e di conseguenza la rilevazione di laboratorio si basa principalmente sull’identificazione microscopica direttamente dai campioni dei pazienti utilizzando marcature fluorescenti o anticorpi. La mancanza di sensibilità di questo metodo ha portato a proporre la Real Time PCR specifica per Pneumocystis (qPCR) come strumento aggiuntivo per aiutare le procedure diagnostiche convenzionali per la polmonite da Pneumocystis, fornendo un rilevamento sensibile e specifico del DNA di Pneumocystis jirovecii nei campioni clinici.

Il kit è validato per rilevare il DNA di Pneumocystis jirovecii presente nei campioni diretti: BAL (lavaggio bronco alveolare) e broncolavaggio.

Si parte da un volume minimo di 200ul di BAL da cui si effettua una estrazione del DNA in un volume finale di 50ul.

PneumID utilizza la chimica qPCR più diffusa, che si basa sul rilevamento della luce emessa da sonde di idrolisi, rilevata attraverso diversi canali fluorescenti. Il kit contiene i singoli primer e sonde disegnati per il rilevamento del DNA genomico di Pneumocystis jirovecii, beta-globina umana ed un controllo interno esogeno.

PneumID è un kit Real Time PCR multiplex in grado di rilevare contemporaneamente il DNA genomico di Pneumocystis jirovecii, un controllo esogeno di estrazione ed un controllo endogeno (beta-globina umana). Il risultato fornito dal test PneumID è di tipo qualitativo.

La scelta di utilizzare un saggio qualitativo ed un controllo endogeno deriva dalla natura del materiale di partenza utilizzato per questo tipo di analisi: il gold standard è infatti il lavaggio broncoalveolare (BAL), un campione respiratorio diluito e non standardizzabile (non si può infatti risalire con certezza al coefficiente di diluizione). L’utilizzo di un controllo endogeno permette di risalire alla “cellularità” del campione, fornendo una indicazione della qualità di quest’ultimo e permettendo di evitare risultati falsamente negativi dovuti ad un campionamento non idoneo.

PneumID è un kit “aperto” in quanto è utilizzabile sui più comuni strumenti presenti nei laboratori.
Ne citiamo solo alcuni.

ESTRAZIONE: Qiagen EZ1, QiaSymphony, Qiagen QIAamp spin column, Promega Wizard Genomic Kit, Qiagen QiaCube, Roche MagnaPure e altri.

AMPLIFICAZIONE: ABI 7500, BMS MIC, Qiagen RotorGene, BioRadCFX96, Illumina Eco, Roche LC480 (II) e altri.

PneumID permette una diagnosi in breve tempo, consentendo al clinico di avviare una terapia specifica. Il corretto utilizzo di PneumID prevede la valutazione ed interpretazione del risultato in relazione al contesto clinico del paziente. Pneumocystis jirovecii è infatti un fungo che può dare colonizzazione delle vie aeree, senza però sviluppare una patologia: la valutazione del quadro clinico del paziente è dunque fondamentale nell’interpretazione del dato ottenuto dal test PneumID.

La diagnosi di polmonite da Pneumocystis jirovecii quando il risultato in Real Time PCR è debolmente positivo può essere supportata da valori positivi di Beta-D-Glucano nel siero.